Cos’è la mindfulness: significato e psicologia

Raggiungi più velocemente il tuo Successo!

Tabella dei Contenuti

Ecco cosa significa mindfulness, che cos’è e a cosa serve

La crescente diffusione di questo termine racchiude un universo affascinante, capace di trasformare radicalmente la tua esistenza se praticato con impegno. La mindfulness è una forma specifica di meditazione che mette al centro l’esperienza del presente. Ma come si attua e si applica concretamente? Quali vantaggi può offrire? Approfondiamo questi aspetti in questo articolo dedicato alla ricchezza del significato di mindfulness e alle sue applicazioni pratiche.

psicologia mindfulness

Mindfulness: significato e definizione 

La mindfulness, o “consapevolezza” in italiano, è una pratica orientale, ma negli ultimi decenni è stata adottata e integrata anche nella psicologia occidentale. Essenzialmente, la mindfulness si concentra sull’essere consapevoli del momento presente in modo intenzionale, senza giudizio. In altre parole, la mindfulness invita a osservare la propria esperienza con un atteggiamento aperto e curioso, e mai giudicante. 

Nel suo insieme, la mindfulness invita a vivere pienamente il momento in essere, senza essere intrappolati nei rimpianti del passato o nelle preoccupazioni per il futuro. Essa promuove una consapevolezza attenta e una presenza mentale che può portare a una maggiore tranquillità e soddisfazione nella vita quotidiana. Per questo è una pratica molto diffusa in psicologia e nell’ambito della crescita personale.

Psicologia mindfulness: cosa s’intende?

La mindfulness viene impiegata anche in psicologia. La pratica è stata integrata infatti in diverse terapie psicologiche, come la Terapia Cognitivo-Comportamentale (TCC), dove si è dimostrata particolarmente efficace nel trattamento di disturbi come la depressione e l’ansia. 

Dal punto di vista psicologico, la mindfulness è spesso insegnata attraverso la meditazione. Gli individui sono guidati a dirigere la loro attenzione verso le sensazioni del corpo, la respirazione e gli stimoli presenti nel momento attuale. Questo può aiutare a ridurre lo stress, l’ansia e migliorare il benessere emotivo.

Le origini della mindfulness

La pratica della mindfulness ha radici antiche nelle tradizioni spirituali dell’Oriente, in particolare nel buddhismo. In queste tradizioni, la mindfulness è spesso associata alla meditazione e all’attenzione consapevole. Nel contesto buddhista, la mindfulness è parte integrante del Noble Eightfold Path, un cammino che porta alla liberazione dal ciclo del dolore e della sofferenza. 

Negli anni ’60 e ’70, diversi maestri spirituali provenienti dall’Asia, come Thich Nhat Hanh e Chögyam Trungpa Rinpoche, hanno iniziato a diffondere la pratica della mindfulness in Occidente. Questi insegnanti hanno adattato e reso accessibili le antiche pratiche orientali alle persone occidentali interessate alla crescita personale e allo sviluppo spirituale. 

Passando ai giorni nostri, negli ultimi decenni, la mindfulness è stata integrata nella psicologia occidentale come parte di terapie cognitive e comportamentali. Il lavoro di Jon Kabat-Zinn è stato particolarmente influente con la creazione del programma MBSR (Mindfulness-Based Stress Reduction), che ha introdotto la mindfulness come strumento terapeutico per affrontare lo stress e migliorare il benessere emotivo.

cosa significa mindfulness

Cosa significa mindfulness in 3 esempi

Per comprendere il significato di mindfulness in modo concreto possiamo provare a tirare in ballo alcuni esempi pratici di come talvolta ci dimentichiamo di vivere nel presente

Il primo esempio è il mangiare consapevole. Quante volte mangiamo un piatto di pasta in modo automatico e veloce, senza realmente assaporare il cibo? Ecco, la mindfulness nel mangiare implica concentrarsi pienamente sul cibo, apprezzando i sapori, le consistenze e le sensazioni fisiche durante ogni morso, senza essere distratti da pensieri o attività esterne. Può sembrare banale ma nel campo della psicologia questo esercizio può aiutare tantissimo a prendere coscienza su problematiche alimentari.

D’altro canto anche una respirazione consapevole può cambiare il nostro modo di percepire e vivere il presente. Prendere consapevolezza della propria respirazione, infatti, s’impara a essere presenti nel momento. Per farlo, ci si può sedere in un luogo tranquillo per concentrarsi sul respiro in modo intenzionale, osservando l’inspirazione e l’espirazione senza giudizio.

Infine, come terzo esempio vogliamo riportare l’ascolto attivo. Anche l’ascolto richiede consapevolezza e l’essere presenti nel momento. La mindfulness nell’ascolto coinvolge il prestare attenzione senza giudizio su quanto viene espresso durante una conversazione. Ciò implica evitare di pensare a cosa dire successivamente o essere distratti da altri pensieri rispetto al discorso. Ascoltare attentamente, in questo senso, promuove comprensione e connessione più profonde con gli altri e ci aiuta a vivere nel presente.

Oltre il significato di mindfulness… 

La mindfulness è un’importante pratica che consente all’essere umano di sperimentare e di raggiungere piena consapevolezza di sé. Talmente efficace, questa pratica è inserita in programmi di terapie psicologiche importanti alla base di cure per disturbi mentali più o meno complessi. 

A prescindere dalla salute mentale in senso clinico, la mindfulness consente alle persone di raggiungere una sorta di prospettiva altra, decentrata, che consente loro di distaccare dalle solite modalità di risposte automatiche e involontarie per allontanare cose spiacevoli. Il suo obiettivo è quello eliminare tutta quella sofferenza inutile che spesso proviamo, insegnando comprensione e accettazione profonda di qualunque cosa accada.

Oggi la mindfulness è diventata una pratica diffusa in molte parti del mondo occidentale, utilizzata sia a livello personale che come componente di approcci terapeutici e di gestione dello stress. Gli studi scientifici che hanno dimostrato i benefici della mindfulness soprattutto in ambito clinico. La ricerca ha infatti evidenziato gli effetti positivi di questa pratica sulla riduzione dello stress, sull’ansia e sulla depressione, portando a un interesse sempre maggiore da parte della comunità scientifica e delle persone.

Alessandro Da Col & Alessandro Pancia

Alessandro Da Col & Alessandro Pancia

Da oltre 10 anni insegnano a imprenditori, educatori, leader aziendali e persone di ogni ceto sociale come raggiungere il Successo che si meritano.

Hanno insegnato a centinaia di migliaia di persone come sviluppare un Mindset di Successo e le Strategie d'eccellenza per massimizzare il proprio potenziale.

Hanno formato oltre 15.000 studenti online e offline a livello internazionale.

Facebook
LinkedIn
WhatsApp
Telegram

Vuoi essere richiamato gratuitamente nei prossimi minuti da un Tutor Coach?